Login
Main menu

Filariosi cardiopolmonare

Malattia cosmopolita sostenuta da Dirofilaria immitis, un verme tondo, parassita dei carnivori, la cui trasmissione da un soggetto all'altro avviene mediante la puntura di una zanzara (gen. Aedes e Anopheles).
Le forme adulte, maschi e femmine, vivono nel cuore destro e nell'arteria polmonare di cane, lupo e volpe, meno frequentemente del gatto e raramente nell'uomo.
Le femmine partoriscono microfilarie che vivono nel torrente circolatorio e, soprattutto la sera, si portano nei vasi cutanei. Una volta risucchiate dalla zanzara, entro15 giorni mutano, all'interno dell'insetto, a larve infestanti e si portano all'apparato buccale. Quando l'insetto punge il cane, le larve infestanti entrano nel suo torrente circolatorio e in circa 2-3 mesi diventano adulti nel cuore.
Le prime microfilarie compariranno nel sangue periferico dopo circa 6 mesi.

La gravita' e i sintomi sono in relazione al numero dei parassiti.

- Sindrome cardiopolmonare
- Sindrome della vena cava
- Sindrome cutanea
- Sindrome anemico-cachettica
- Sindrome nervosa

Diagnosi
- Test sierologici alla ricerca di antigeni dei parassiti adulti
- Visualizzazione di microfilarie nel sangue periferico

La prognosi e' riservata.

Trattamento
Prima di procedere con il trattamento è necessario fare una valutazione della gravità dell'infestazione attraverso esami ematobiochimici e delle urine, radiografie del torace ed ecocardiografia.
Il trattamento filaricida viene effettuato con composti arsenicali e il soggetto deve essere tenuto a riposo assoluto per 4-6 settimane per ridurre il rischio di fenomeni tromboembolici. Per questo si associa una terapia cortisonica e/o con eparina.

La filariosi cardiopolmonare si può PREVENIRE solo uccidendo le microfilarie prima che arrivino al cuore.
Dopo i 6 mesi di età del cane, basta un piccolo prelievo di sangue per effettuate il test sierologico.

Se è negativo puoi:
 Far fare dal veterinario l'iniezione di un farmaco microfilaricida a lento rilascio, da ripetere una volta l'anno
 Somministrare un farmaco sottoforma di compressa o spot on una volta al mese, tutti i mesi

Fai ripetere il test sierologici almeno ogni 2 anni per accertarti che tutto proceda bene.

back to top